sala stampa

ANIE incontra Terna per la presentazione del Piano di investimenti alle aziende associate

Milano, 17 marzo 2017 – Nel ciclo di appuntamenti con la grande committenza che vede le imprese associate confrontarsi con le aziende più strategiche per lo sviluppo del Paese, ANIE ha incontrato oggi Terna, operatore di rete per la trasmissione di energia elettrica in Italia, nonché socio di Federazione ANIE nell’ambito dell’associazione ANIE Reti.

Pier Francesco Zanuzzi, AD di Terna Rete Italia S.p.A. e Alessandro Fiocco, Direttore Acquisti e Appalti di Terna Rete Italia hanno presentato ai soci ANIE il Piano di investimenti 2017 -2021 da oltre 4 miliardi di euro a sostegno dello sviluppo e dell’ammodernamento della rete elettrica e il Piano procurement.

L’incontro si è aperto con una overview sul sistema elettrico europeo che, partendo dai tre macro obiettivi al 2030 di decarbonizzazione, efficienza del mercato e sicurezza di approvvigionamento, si è poi focalizzata sulla specificità del sistema elettrico italiano, che vede sfidanti obiettivi di crescita delle rinnovabili e di integrazione delle stesse in rete.

Il settore elettrico sta attraversando una fase molto stimolante dal punto di vista delle imprese, sia in Italia che in Europa, che vede la crescita continua delle fonti di produzione rinnovabili non programmabili e la contemporanea progressiva dismissione degli impianti di generazione tradizionali.

La partnership di Terna come “attore” della rete (non solo semplice gestore) e di ANIE come insieme delle tecnologie elettrotecniche ed elettroniche abilitanti ha come obiettivo quello di promuovere uno sviluppo adeguato delle reti elettriche, per renderle in grado di assorbire la penetrazione di energie rinnovabili e per renderle sicure dal punto di vista complessivo di sistema. L’impegno è altresì quello di adeguare il modello e le regole del mercato elettrico in modo tale da consentire alla generazione distribuita, prevalentemente intermittente, di garantire il funzionamento bilanciato del sistema.

In questo percorso un ruolo cruciale è svolto dai sistemi di accumulo, sui quali Terna ha fatto da apripista in Europa, aprendo nuovi scenari tecnologici e prospettive di business anche per le aziende ANIE sia nell’ambito delle reti elettriche che per l’utente prosumer, produttore e consumatore di energia.

Molto importanti per ANIE sono anche gli investimenti per la manutenzione e l’adeguamento del parco di linee elettriche e per l’aumento della resilienza degli elettrodotti ai fini di garantire la continuità del servizio anche in condizioni meteorologiche eccezionali e la sicurezza degli operatori.

Infine si è parlato anche del nuovo Codice Appalti che ha avuto un forte impatto sulle stazioni appaltanti in termini di procedure più lunghe e complesse e integrazione dei criteri di sostenibilità nei requisiti di gara e che ha visto il lavoro congiunto di ANIE e dei maggiori committenti che operano nei settori speciali, tra cui Terna, in vista della adozione del Decreto Correttivo attualmente in discussione in Parlamento.

Lo sviluppo delle infrastrutture di rete è un fattore abilitante non solo per chi lavora sulle reti o per le reti, ma  per tutte le imprese – ha commentato Giuliano Busetto, presidente di ANIE – perché avere energia elettrica su una rete sicura, efficiente e integrata è la risposta a uno dei bisogni primari per il tessuto industriale e sociale e condizione fondamentale per mantenere competitivo il sistema Paese. ANIE ha grandi attese da Terna, tra le prime aziende in Italia per investimenti. La partnership tra Terna e le  aziende tecnologiche ANIE ha già permesso di  realizzare  l’infrastrutturazione elettrica del Paese e nel prossimo futuro affronterà con competenza e know how ulteriori sfide di crescita e sviluppo sostenibile”.